Kriya Yoga di Babaji

Da Yogapedia.it.

Il Kriya Yoga è l'arte scientifica dell'unione perfetta con la Verità Divina, e della Realizzazione del Sé. Rinacque sotto l'impulso di un grande maestro indiano, Babaji Nagaraj, come sintesi degli antichi insegnamenti della tradizione dei 18 Siddha. Comprende una serie di 144 tecniche o "Kriya" raggruppate in cinque fasi o branche.

I 5 sentieri del Babaji’s Kriya Yoga

Kriya Hatha Yoga: composto dalle "asana" o posture fisiche di rilassamento, i "bandha" o chiusure muscolari, e i "mudra" o gesti. La loro pratica aumenta la salute, la pace e la conapevolezza dei principali centri energetici, i "chakra". Babaji ha selezionato una serie di 18 posture particolarmente efficaci le quali sono insegnate gradualmente e due a due. Si ha cura del corpo fisico in quanto è il veicolo o tempio del Divino, e non per il corpo stesso.

Kriya Kundalini Pranayama: la tecnica del potenziale, è un potente esercizio di respirazione che serve a risvegliare l'energia latente e a farla circolare attraverso i 7 principali chakra dalla base della colonna vertebrale alla corona. Questo risveglia gli stati psicologici corrispondenti e ci trasforma in una dinamo su tutti i cinque piani dell'esistenza.

Kriya Dhyana Yoga: la meditazione o l'arte scientifica di ammaestrare la mente, permette di pulire il subconscio, di sviluppare la concentrazione, la chiarezza e la visione mentali, di risvegliare l'intuizione e le facoltà creative, e di portare allo stato senza respiro di comunicazione con Dio, il "samadhi"

Kriya Mantra Yoga: la ripetizione mentale di suoni sottili risveglia l'intuizione, l'intelletto ed i chakra. Il mantra sostituisce il chiacchiericcio mentale centrato sull'"Io" e permette di accumulare grandi quantità di energia. Il mantra pulisce anche le tendenze subconsce.

Kriya Bhakti Yoga: le pratiche devozionali e di servizio risvegliano il puro amore Divino universale e la felicità spirituale. Comprendono canti e cerimonie, pellegrinaggi e venerazione. Gradualmente tutte le proprie attività si impregnano di dolcezza poiché l' "Amato" è percepito in ogni cosa.

"Il Kriya Yoga porta ad una trasformazione integrata dell'individuo sui cinque piani dell'esistenza: fisico, vitale, mentale, intellettuale e spirituale. Ognuno lo può' praticare e raggiungere così felicità e pace." La descrizione di Babaji del Suo Kriya Yoga Tratto da "Babaji's Masterkey to All Ills"

Il Kriya Yoga non è quindi uno studio o una pratica concepita soltanto per i reclusi che vivono nelle grotte dell'Himalaya. Il Kriya Yoga è fatto ugualmente per tutti quelli che vivono al proprio posto nella vita, che vivono nel mondo e per servire il mondo. Non è solo proprietà dei sannyasin o degli yogi ma è anche proprietà universale. E' una tecnica universale a disposizione dei cittadini, degli abitanti delle città, dei borghi, delle campagne, tecnica che richiede uno studio profondo e una pratica sincera. E' la meravigliosa scienza il cui frutto non è la discordia ma la vera pace, nata dall'anima, nata dalla Felicità Infinità.