Swami Vishnudevananda

Da Yogapedia.it.
Versione del 21 mag 2018 alle 12:42 di YogaPills (discussione | contributi)
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)
Swami-Vishnudevananda.jpg

Swami Vishnudevananda (sanscrito: Svāmī Viṣṇudevānanda) è nato il 31 Dicembre 1927 a Kannimangalam, Kerala, India. Era un discepolo diretto di Swami Sivananda ed è diventato con le sue istruzioni un noto maestro di yoga. Ha viaggiato in tutta l'India insegnando lo yoga a tante persone. Nel 1957 lasciò l'India per portare lo yoga come un pioniere nell'Occidente. Aveva pianificato un viaggio di 1 anno, ma rimase stabilmente in Canada. Lì, a Val Morin, un paesino canadese, ha costruito il “Sivananda Ashram Yoga Camp” nel 1963. Negli anni successivi ha fondato altri 4 Ashram negli Stati Uniti, India, e sulle Bahamas e contemporaneamente ha creato diversi centri yoga. Degno di menzione è il suo nome famoso "The Flying Swami" ("Swami volante") e le sue missioni per la pace nel mondo. Prese la patente di aviazione e si comprò un aereo. Una delle sue numerose missioni per la pace era di volare sopra le regioni di guerra, come ed es. nel 1971 sopra Belfast, il Canale di Suez e Gerusalemme, dove fece piovere petali di fiori e volantini con messaggi della pace. Quando il suo stato di salute peggiorò, nell'estate de 1993, tornò in India, perché il suo desiderio era di lasciare il proprio corpo nel suo paese d'origine. È morto il 9 Novembre 1993 nell'ospedale di Manipal, Karnataka, India.

Per incontrare la prima volta Swami Sivananda nel suo Ashram a Rishikesh, ha viaggiato 36 ore e ha potuto vederlo per soltanto due minuti da lontano. Vishnudevananda era impressionato dalla semplicità, dalla retorica e dall'espressione di Sivananda: “E' stata la prima volta che ho visto una persona genuina, le sue parole erano così dirette e quando rideva, sembrava fluisse l'energia dal suo viso verso il mio.” Comprò un paio di libri ed iniziò a praticare ogni mattina presto lo yoga e il pranayama. Nel 1947 lasciò il suo lavoro nel corpo degli ingegneri dell'arma ed entrò nell'ashram di Sivananda. Così diventò esperto negli asana, pranayama, mudra, bandha, kryia ecc., nonostante la sua giovane età diventò maestro dell'hatha-yoga. Le asana, anche quelli difficili, erano molto facili per lui, e per quel motivo Sivananda lo chiamava “uomo senza ossa”.

Da Sivananda ricevette tante lezioni per la vita: una delle prime lezioni fu l'umiltà. Appena arrivato la seconda volta all'ashram di Sivananda, Sivananda con alcuni discepoli stava uscendo dall'ufficio e Vishnudevananda si trovò in difficoltà, perché si era proposto per tutta la sua vita di non inchinarsi mai davanti ad una persona, neanche ad una persona santa, perché era dell'opinione che tutti sono uguali. Ma si rese conto in questa situazione che tale comportamento sarebbe stato maleducato e così provò a nascondersi in un angolo, finché fossero passati. Ma nel momento in cui Sivananda lo vide, gli andò incontro, si inchinò davanti a Vishnudevananda toccandogli i piedi. In quel momento anche Vishnudevananda si gettò ai piedi di Sivananda, travolto dalla lezione di umiltà.

Sivananda gli diede il compito di portare lo yoga in Occidente e così nel 1957 partì per raggiungere gli Stati Uniti. Simbolicamente Sivananda gli diede 10 rupie per mostrarli che si occupava anche materialmente del progetto. Oltre la sua energia, il suo entusiasmo non aveva altro nella sua valigia. Viaggiava effettuando tappe brevi. Dove si fermava, dava lezioni di yoga e con i soldi guadagnati andava avanti a raggiungere la tappa successiva. Scrisse il suo primo libro “Il grande libro illustrato dello yoga”, che è stato pubblicato nel 1960, come uno dei primi libri sullo yoga. In questo libro ha creato un programma completo per indirizzare la forza dello yoga al conseguimento dei seguenti obiettivi: rilassare e rinvigorire la mente, conferire al corpo più forza e flessibilità, sviluppare la consapevolezza spirituale, migliorare la capacità di concentrazione, insegnare al corpo a utilizzare in maniera più efficace l'ossigeno e le sostanze nutritive, prevenire malattie e ritardare il processo di invecchiamento.

Fonte: Un'intervista di Heinz Grill a Swami Vishnudevananda durante la sua formazione nel "Sivananda Ashram Yoga Camp" in Cananda